L'Ikat, il decoro dai contorni sfumati come le nuvole

Oggi vorremmo parlarvi dell’Ikat, una tecnica di tintura dei filati, che permette di ottenere dei disegni bellissimi dai contorni sfumati...

 

 

Oggi vorremmo parlarvi dell’Ikat, una tecnica di tintura dei filati, che permette di ottenere dei disegni bellissimi dai contorni sfumati.

Nata originariamente in Malesia e Indonesia, si è poi sviluppata in maniera indipendente in molte culture e continenti diversi, quali il Perù e Guatemala, il Giappone, lo Yemen, l’India e l’Uzbekistan.

Il termine ikat è indonesiano (“mengikat”) e significa annodare, legare, perché alcune parti dei filati vengono protette tramite una stretta legatura per non essere tinte, mentre le parti non legate si colorano. Si ottiene così un filato colorato soltanto parzialmente, che una volta tessuto rivela un animato disegno decorativo. Con la parola ikat però non si intende solo la tecnica, ma anche i tessuti stessi fatti a mano, colorati con la stessa tecnica. Alcuni ikat sono fatti tingendo i fili dell’ordito (i fili fissi che sono attaccati al telaio), alcuni tingendo i fili della trama (i fili che vengono effettivamente tessuti dentro e fuori i fili di ordito). In alcuni ikat sono tinti sia l’ordito sia la trama, una tecnica nota come ikat doppio.

La procedura è molto lunga, oltre che molto complessa, tanto che richiede una notevole abilità, e proprio per questo all’interno delle culture che li hanno prodotti, gli ikat erano tipicamente degli status symbol. Addirittura in Indonesia fino a meno di un secolo fà era privilegio esclusivo delle famiglie nobili confezionare ed indossare abiti ikat e chi violava la norma poteva anche essere punito con la morte.

L'India e l'Indonesia hanno le loro antiche tradizioni di fabbricazione di tessuti ikat, tuttavia, sono i tessuti ikat dell'Uzbekistan che sono diventati un successo recente nelle industrie della moda e dell'interior design per i loro disegni grandi e audaci e per il fatto di mescolare inimmaginabili colori ikat che inizialmente penseresti non funzionerebbero bene insieme. Oggi l’ikat è il tessuto nazionale dell’Uzbekistan, dove viene prodotto sopratutto nella regione meridionale, nelle città di Bukhara, Samarcanda, Tashkent, Khiva e la città di Kokand nella valle di Ferghana.

Noti sono gli ikat in seta, gli ikat cotone e seta, gli ikat di velluto in seta, gli ikat in cotone e gli ikat in cotone e lino.

Per quanto riguarda l’arredamento, l’ikat è il decoro ideale per gli ambienti chiari e neutri: un interno bianco, grigio o beige, infatti, farà risaltare ancor più i suoi colori accesi, che regaleranno un tocco allegro e vivace al locale. Invece se l’ikat è realizzato con tinte pastello, questo decoro saprà infondere delicatezza alla stanza. Nella raffinata versione in bianco e nero darà originalità ed eleganza agli interni più sobri e moderni. L’importante è evitare il total look, che sarebbe decisamente eccessivo e puntare sugli accessori, come ad esempio i cuscini.

Nel nostro negozio online puoi trovare dei magnifici cuscini realizzati con tessuti ikat provenienti dall’Uzbekistan, sia nei delicati colori pastello, che dalle nuance decisamente vitaminiche oppure in bianco e nero… basta fare un clic qui sotto.

 

CUSCINI IKAT   

 

 

  

(Immagini nell'ordine via decorpad.com ed etno-chic.com - Parte delle immagini presenti in questo blog sono prese dal web e usate indicando la fonte. Se ci fossero foto soggette a copyright, vi preghiamo di contattarci e saranno rimosse. Le immagini di proprietà di etno-chic.com possono essere usate soltanto citando la fonte e relinkando al blog.)

 

 

 

 

 

 

 

Questo sito utilizza i Cookies per migliorare la navigazione. Puoi scegliere di non utilizzarli ma alcune funzioni del sito potrebbero non essere attivate.
Maggiori Informazioni Ok Non accetto i Cookies